a

A Piccoli Sorsi

HomeA Piccoli Sorsi

La prima serata di Wine O'Clock, racconti di vino e sorsi da bere Siamo in ritardo. Siamo sempre in ritardo. Dovevamo essere alla Limonaia di Villa Rospigliosi alle 9 e sono già le 9 e 12 minuti. E sì, se ve lo state chiedendo, piove. Ma la Limonaia è bellissima anche sotto la pioggia incessante e nell'attraversare il giardino si ha sempre l'impressione di varcare un confine, entrare in uno spazio a sé stante, dove il tempo scorre secondo una diversa logica e la percezione delle cose si fa più acuta. Comunque siamo in ritardo, e infatti, quando arriviamo noi la serata è già cominciata. Ci sono Luisella e Maria

Un racconto di terra, di vino e d'umanità La decima edizione di Orcia Wine Festival si è appena conclusa. Giusto un paio di giorni di decompressione per rimettere in ordine i pensieri e recuperare le energie ed è il momento di iniziare a raccontarvela. Quattro giorni dedicati al vino più bello del mondo, l'Orcia Doc, nel cuore della terra da cui nasce, la Val d'Orcia. Più precisamente, a San Quirico d'Orcia, nelle magnifiche stanze del Palazzo Chigi Zondadari, un miracolo del tardo barocco con la sua leggerezza compositiva, la luminosità cromatica e la ricerca attenta del particolare elegante e prezioso. Quattro giorni di festival che hanno celebrato il vino

Discorso intorno all'8 Marzo Non mi sono mai piaciuti i discorsi sul sesso, come se bastasse la casuale combinazione di due cromosomi a determinare chi siamo. Non mi sono mai piaciuti anche perché non mi piacciono le categorizzazioni, sempre troppo semplicistiche, né tantomeno le teorie manichee: uomo vs donna. Mi sono sempre piaciute però le persone impegnate, acute, appassionate e i buoni propositi, quando sono autentici, rivoluzionari e lungimiranti. Mentre raccolgo questi pensieri ripenso a una delle tante donne della letteratura che mi sono care: Virginia Wolf, perché ha incarnato quella forza estremamente complessa della femminilità e quella stessa forza l'ha riversata nella scrittura così come nella vita senza intermediazioni e senza

Cronaca di un successo annunciato Per chi non avesse un account Instagram Ormai il Blind Blogger Tasting non ha bisogno di presentazioni per gli utenti enofili di Instagram. Già, perché per gli appassionati di vino social questo evento è ormai un vero successo e in pochi mesi si è visto legittimare da cantine, wine influencer, wine blogger e wine lover di ogni genere. Spiegherò comunque brevemente di cosa si tratta per chi ancora non ne avesse sentito parlare. È una degustazione alla cieca ideata e organizzata da Thomas Taddeo alias Hipster Wine, Francesco Bonomi alias Bonomi Wine Diary e Fabio Gobbi alias Fabio Enoteca La Vigna, tre appassionati e

Prospettive rovesciate. Ovvero, oltre il terroir Intorno è pianura. Pianura a perdita d'occhio e in mezzo un vigneto anzi, tre vigneti. Saranno sì e no 2°C e i miei piedi sono così freddi da averne perso coscienza da un pezzo. Sono in Belgio, a Liezele, nella provincia di Anversa, che non è certo il primo posto che mi viene in mente quando penso alla prossima meta dove camminare le vigne. Ho detto un vigneto, anzi tre vigneti perché, nonostante siano vicini l'uno all'altro, appartengono a tre diversi appezzamenti piantati in tre diversi anni, dal 2016 al 2018. La tenuta Valke Vleug cresce a passi piccoli ma lesti. È un